sabato 13 novembre 2010

Alexander Skarsgard intervistato da Sueddeutsche.de

Altra intervista dal mondo alemanno. Questa volta Alexander è stato intervistato dal sito Sueddeutsche.de e devo dire che ho trovato le domande molto interessanti. Si parla come sempre del suo personaggio, Eric, di cosa pensa della nudità e come la vedono i suoi colleghi, del nuovo progetto con Lars Von Trier e di Lady Gaga.
La terza stagione di True Blood sarà trasmessa per la prima volta in Germania il 4 Novembre in prima serata.
"Alexander Skarsgard dice: 'Nudity is not a big deal' (la nudità non è un gran problema).
Sorride come l'affascinante principe Daniel [ndr: marito della principessa Victoria di Svezia], ha il corpo di un modello di intimo ed è uno degli attori svedesi più famosi. L'attore della serie True Blood, Alexander Skarsgard, parla di vampiri, di Lars Von Trier e della tenuta di Lady Gaga.


Sueddeutsche.de: La saga di Twilight, la serie The Vampire Diaries, True Blood. Non pensi che i telespettatori si annoieranno a vedere in continuazione succhiasangue nei film?
Alexander Skarsgard: True Blood è molto di più che una serie sui vampiri. L'80% dei personaggi non sono vampiri, ci sono 
altre creature sovrannaturali ed anche umani. Lo show ha altre qualità. Ci sono personaggi interssanti e relazioni
interessanti. La serie ha molti lati.
SD: A differenza della saga di Twilight, qual'è la cosa più interessante sui vampiri?
AS: Non ho ancora visto i film quindi non posso fare un paragone. Non sono un esperto in questo settore. E non vedrò gli altri film.
SD: Interpreti il ruolo di un vampiro millenario e non guardi i tuoi avversari?
AS: Sono molto consapevole della pubblicità martellante su di loro. Molti di questi film sono fatti per ragazze adolescenti. La prima volta che ho sentito parlare del ruolo di Eric ho pensato che fosse uno da due soldi e molto pacchiano.
SD: Perchè hai accettato il ruolo?
AS: Avevo sentito che il regista e creatore della serie era Alan Ball. Conoscevo Magnolia e Six Feet Under e allora sapevo che volevo fare la serie. Ball è un artista eccezionale ed un uomo intelligente. Volevo lavorare con lui.
SD: Tu sei svedese, biondo, alto quasi due metri e interpreti un vampiro vichingo. Non ti senti pressato in una sorta di cliché?
AS: No, Ball non voleva necessariamente un attore svedese.
SD: E' per questo che Eric non ha accento svedese?
AS: All'inizio delle riprese, c'erano delle discussioni in proposito. Alcuni volevano che Eric avesse un forte accento. Ma per me non aveva alcun senso che qualcuno che vive per 1000 anni sulla terra avesse un forte accento svedese. A dire il vero, lui dovrebbe parlare almeno 20 lingue differenti in modo fluente. Ho suggerito che Eric parlasse Inglese d'America e che spargessimo qua e la qualche frase in svedese o in un'altra lingua. Questo lo rende speciale!
SD: E ascoltarono il tuo suggerimento?
AS: Si ed è questo quello che rende lavorare con Alan Ball speciale. Lui da coraggio agli attori nel buttare giù le proprie idee. Non è che tu vai lì e dici le tue battute e poi torni a casa, noi lavoriamo tutti insieme.
SD: Sembra un lavoro davvero bello. Cosi bello che i due attori principali, Anna Paquin e Stephen Moyer, sono diventati una coppia nella vita reale.
AS: Si, loro si sono conosciuti sul set. Entrambi sono miei cari amici. Il nostro team è una sorta di famiglia surrogato, lontana dalla mia famiglia natia in Svezia. Loro sono molto importanti per me.


E' concessa violenza, l'amore è un taboo


SD: In True Blood ci sono alcune scene di sesso. Qualcuno come te, che viene dalla Svezia, probabilmente si sente a proprio agio con la nudità.
AS: Se ha senso ed è importante per la storia, non ho problemi. E' differente ovviamente se mi sento sfruttato, se non è importante per la narrazione. Ma questo non è mai stato il caso di True Blood.
SD: Come se la cavano i tuoi colleghi americani con la nudità?
AS: Hanno avuto un pò di problemi. Gli americani possono essere molto pudici su questo soggetto. E' divertente! Negli Stati Uniti i genitori autorizzano i bambini a vedere scene violente, ma le scene d'amore sono taboo. Puoi giocare ai videogames dove sparano l'uno contro l'altro alla testa e macellare un corpo, ma se vedono un sedere in televisione, i genitori sono turbati.
SD: Ne parli con i tuoi colleghi di questo?
AS: Si, ogni volta. Ogni qualvolta c'è una scena di nudo in True Blood diventano pazzi e io ogni volta cerco di minimizzare. Essere nudi non è tutto questo problema.
SD: Hai appena girato un film il cui regista è Lars Von Trier, Melancholia. Lavorare con lui deve essere stato molto meno piacevole. Dopo tutto Bjork e Nicole Kidman si sono rifiutate di lavorare ancora con lui dopo Dancer In The Dark e Dogville.
AS: Non riesco a capirlo, perchè ho avuto un'esperienza completamente differente. Lars Von Trier è un grande orsacchiotto. E' un sogno poter lavorare con un tale regista. Non ci sono segni tracciati, nessuna linea guida. Semplicemente reciti e Lars Von Trier è dietro la telecamera a filmare. Hai un sacco di libertà.
SD: In questo film hai recitato non solo con Kiefer Sutherland, Kristen Dunst e Charlotte Gainsbourg, ma anche con tuo padre, Stella Skarsgard. Com'è stato lavorare con tuo padre?
AS: E' stata la prima volta in cui abbiamo avuto una scena insieme davanti alle telecamere. E' stato fantastico!
SD: Si dice che tu e tuo fratello siete considerati i Baldwin del nord.
AS: Si, l'ho sentito anche io e personalmente li trovo entrambi divertenti ed un pò pazzi.
SD: A proposito di pazzia: tu hai partecipato al video musicale di Lady Gaga 'Paparazzi'. E' pazza Lady Gaga?
AS: No, non lo è. Devi essere davvero molto intelligente e sveglio per arrivare lontano come ha fatto lei. E' molto professionale.
SD: Cosa ne pensi del suo stile, come il vestito fatto di pezzi di carne?
AS: Come vampiro, direi che è molto appetitosa!"

Fonte 

Nessun commento:

Posta un commento