sabato 13 novembre 2010

Alexander Skarsgard intervistato da Serienjunkies.de

Recentemente Alexander Skarsgard era in Germania per promuovere  il lancio di True Blood ed ovviamente sono fioccate le interviste!

Qui Alexander viene intervistato da Serienjunkies.de e parla scherzosamente della sua parrucca scomparsa!
Di seguito l'intervista. Ringrazio trueblooditaly.com per la traduzione

alexserien3a.png
"Serienjunkies.de ha intervistato la star di True Blood, Alexander Skarsgard, parlando con il più volte premiato “uomo più bello di Svezia”, della quarta stagione di True Blood, del Comic Con e tanto altro…
Ai primi di ottobre, Alexander Skarsgard ha colpito ai cuori di tutto il genere femminile: uno degli uomini più belli di Svezia era al lancio promozionale della serie sui vampiri “True Blood” trasmesso per l’occasione da Syfy a Monaco di Baviera.
Con un cappuccino in mano, seduto comodamente, con i suoi più di 190 cm di altezza, su un divano in vecchio stile in una grande sala al Bayerischer Hof, Alex risponde alle domande di Serienjunkies.de…
SJ: Nella serie “True Blood” interpreti il vampiro vichingo Eric Northman. Era una coincidenza o effettivamente i direttori del casting esaminavano per trovare un attore che parlasse svedese?
Alex : Hanno cercato in Europa e negli Stati Uniti per trovare il giusto interprete. Alla fine, ne hanno trovato davvero uno svedese.
SJ: Quindi hai potuto dire le scene con accento svedese.
Alex : Esattamente. L’idea con lo svedese, in realtà non è arrivata subito. Generalmente, volevano che Eric avesse un accento molto forte in inglese, ma sono riuscito a convincerli che era illogico per un vampiro così vecchio che potesse non parlare più lingue correntemente e senza accento. Eric, dopotutto, ha vissuto migliaia di anni. Ho suggerito che si potevano incorporare alcune frasi in svedese, in modo che Eric non sia come tutti gli altri vampiri, ma gli è stato dato qualcosa di esotico.
SJ: Alan Ball è stato lieto di rispondere a tali proposte? E ci sono state altre idee che hai potuto apportare?
Alex : Alan è generalmente molto aperto a qualsiasi suggerimento. Una serie è un processo congiunto di autori e interpreti. Almeno è così in “True Blood”. Se, dopo aver ricevuto lo script hai un’idea o una modifica per un dialogo, puoi sempre parlare con l’autore dell’episodio. Sono molto aperti a suggerimenti. Si tratta di un dialogo aperto e per me come attore è molto importante.
SJ: Come è cambiato il taglio di capelli di Eric?
Alex : Nella prima stagione indossavo una parrucca. Avevo già recitato nella serie “Generation Kill” e avevo un taglio di capelli in stile militare. Così ho indossato una parrucca e dopo la prima stagione ne abbiamo avuto abbastanza. La parrucca doveva essere rimossa in modo definitivo!
SJ: Vedremo di più del passato di Eric nella quarta stagione?
Alex : Spero di sì. Questi flashback mi hanno dato un piacere enorme. Si capisce questo personaggio molto meglio. Gli autori stanno scrivendo le sceneggiature per la nuova stagione. Le riprese inizieranno entro due mesi (inizio di dicembre). Io davvero non so che cosa abbiano in programma per la nuova stagione. E mi sorprenderebbe, tuttavia, se non ci fossero dei flashbacks.
SJ: Hai mai letto la saga di “Sookie Stackhouse” di Charlaine Harris?
Alex : Ho letto i primi cinque libri al fine di conoscere il mondo sul quale si basa la serie.
SJ: Vedremo nella quarta stagione, la storia dell’amnesia di Eric? E con essa molte più scene tra Sookie ed Eric?
Alex : Beh, chi lo sa. La serie ha sviluppato la sua propria vita e ha permesso certe libertà in confronto ai libri. Lafayette è ancora vivo. (Nei libri è la vittima dell’omicidio, alla fine del primo volume)
Ci vuole una certa dose di libertà creativa per una serie del genere. Devo confessare che non so cosa succederà e serve sapere ma non necessariamente. Quando ho letto la prima sceneggiatura, per me era sentire le stesse emozioni che provano i fans che vedono il primo episodio di una stagione e si stanno chiedendo cosa sia successo.
SJ: Hai una scena preferita?
Alex : Amo le scene svedesi e i flashback. E nella terza stagione un flashback riguardava la Germania. Vi ricordate la scena nel secondo episodio?
SJ: La scena nazista con la donna lupo? Il tuo tedesco era buono.Alex: Grazie (dice in tedesco). Penso che anche la storia di Eric-Pam è stata bella nella terza stagione. Ha mostrato amore e affetto, mi ha soddisfatto.
SJ: Tutti noi amiamo Pam!
Alex : Sì, Kristin Bauer è semplicemente incredibile. Inizialmente aveva solo un piccolo ruolo ma poi Alan e gli autori hanno davvero ascoltato i fan e sviluppato il suo personaggio sempre di più. Nella terza stagione era già molto più spesso in scena e spero che anche nella quarta serie sia nuovamente espanso.
SJ: C’è stata anche la critica che, nella terza stagione vi erano troppi personaggi, le cui storie sono state raccontate in parte, non interessanti. Ad esempio, le trame di Lafayette e Sam. Cosa ne pensi?
Alex : Hm, non so.  I personaggi sono interessanti e quest’anno hanno avuto così tanto da fare. Staremo a vedere come andrà con loro in futuro.
SJ: Il marito di Anna Paquin, Stephen Moyer, ti ha mai detto qualcosa sulle tue scene d’amore con la moglie?
Alex : No. Voglio dire, mi piace molto Anna, ma sa che questo è un rapporto platonico e siamo molto amici. In realtà sono abbastanza sicuro che Stephen non abbia problemi.
SJ: Preferisci scene d’amore o scene d’azione?
Alex : Mi piacciono entrambe. Soprattutto quando è possibile combinare le due cose, come nell’episodio otto … Talbot!
SJ: La scena era proprio super. E molto sanguinosa.
Alex : Girare la scena è stato molto divertente. E sì molto sanguinoso.
SJ: Quando sei andato al casting per la serie, eri a conoscenza che ci sarebbero state così tante scene di nudo?
Alex : No, ma non ho alcun problema. Se ha senso nella storia, va bene.
SJ: Puoi ancora muoverti indisturbato, non riconosciuto dal pubblico o ti aspettano urlando i fans di “True Blood” fuori dalla porta d’ingresso?
Alex : Ho notato che la situazione è cambiata dopo che non abbiamo più utilizzato la parrucca. Ma il mio personaggio si è evoluto. Nella prima stagione Eric era apparso brevemente in soli sette episodi. L’anno scorso al Comic Con, che si è svolto in contemporanea con l’inizio della seconda stagione, ho improvvisamente visto tutti questi fan, ed è allora che sono stato davvero consapevole di ciò che questo poteva significare.
SJ: Quest’anno sei stato l’unico membro del cast principale a non essere presente al Comic-Con.
Alex : Sì, purtroppo. Il fine settimana che ho avuto l’anno prima è stato molto divertente. Quando siamo sul set della serie, in realtà non abbiamo il tempo di fare qualcosa insieme. Ma in eventi come il Comic-Con è diverso. Quest’anno stavo girando un film in Svezia. Abbiamo veramente provato di tutto per far sì che io, in qualche modo, potessi arrivare a San Diego, ma è stato purtroppo impossibile.
SJ: Ti riconoscono i fans in Germania?
Alex : Stranamente, ci sono stati parecchi fan fuori dall’hotel. Non pensavo che lo spettacolo fosse così ben noto qui.
SJ: Vuoi venire all’ Oktoberfest?
Alex : Ci vado in modo privato con alcuni amici di Stoccolma. E’ qualcosa che deve essere provato se si è a Monaco di Baviera.
SJ: Grazie per il tuo tempo e divertiti all’Oktoberfest.
Alex : Grazie.

Nessun commento:

Posta un commento