domenica 21 febbraio 2010

Il lato gentile di Alexander Skarsgard

Altra intervista, questa volta direttamente dal sito del Times Online....Si parla un pò di Alexander e di come sia davvero gentile....Taglio le parti che già conosciamo per concentrarmi su qualcosa di nuovo.....

"Di persona Alexander Skarsgard è tranquillo, rispettoso, educato e autoironico. Entrando nella stanza mi sarei aspettato che una ventata di testosterone mi sbattesse violentemente la porta sulla faccia ed invece, mentre stavo cercando di distogliere lo sguardo da tutta la sua risplendente mascolinità, mi trovo davanti una faccia svedese amica, con la sua elegante mano sopra una tazza di té. Gli dico che non è quello che mi aspettavo e lui fa spallucce.
[.......]
Dopo tutto ciò ha deciso di andare al Leeds Metropolitan University. Ride
'Avevo semplicemente bisogno una pausa. Ero andato a scuola, avevo fatto il servizio militare e mi trovavo con questo curriculum pienissimo all'età di 12 anni. Avevo solo bisogno di un periodo per riposare. Cosi ci sono andato con i miei amci. eravamo li per studiare ma in realtà era una scusa per per uscire insieme e divertirci. Abitavamo in questo seminterrato a Headingley, senza riscaldamento, dormivamo nei sacchi a pelo e condividevamo il bagno con uno spacciatore che per qualche motivo ce l'aveva con la regina di Svezia. Ci chiedeva sempre se eravamo noi i ragazzi dalla Svezia. Cosi ci invitava nella sua stanza. Era una stanza sporca, sudicia e malconcia ma aveva poster della regina Silvia di Svezia su tutti i muri. Era del tipo che ci diceva che aveva importato ed esportato droga dalla Svezia per oltre 20 anni, che amava la nostra regina e ci chiedeva se l'avessimo mai incontrata. Era abbastanza spaventoso'
[......]

Come gestisce questa nuova e guadagnatya fama? Nessun pericolo che te la svigni e ritorni in Svezia?
'Non lo so' risponde 'Cerco di stare alla larga dai blog e dai fans site. Se indugio un pò, mi confonde le idee. Se leggo qualcosa di sbagliato finisco con il pensare che abbiano ragione, e se leggo qualcosa di buono finisce che il mio ego esplode (ndr...vacci piano ciccio!). Quindi è meglio che cerchi di starne alla larga'.
Di fatto, la sfida più importante per lui sarebbe quella di lavorare con suo padre. Quando porto alla luce questa possibilità lui fa una lunga pausa e poi ad un tratto dice 'Sarebbe difficile' poi sorride e diventa di nuovo la faccina sorridente del solito svedese Alex. 'Ma sai, potrebbe venirne fuori qualcosa di interessante'.
Fonte

Nessun commento:

Posta un commento